Home Le risposte ai quesiti

Le risposte ai quesiti

Importi differenziati per le quote associative

Una a.s.d. ha deliberato quote associative di diverso ammontare suddividendo i soci in tre categorie: soci ordinari (quota di 25 euro), soci minorenni (quota di 10 euro) e soci anziani (quota di 50 euro). Si chiede se sia un comportamento legittimo e senza conseguenze

Compatibilità tra fondo perduto per canoni di locazione dal Dipartimento per lo Sport e...

Una s.s.d. a r.l. ha ricevuto il contributo a fondo perduto per i canoni di locazione dal Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio presentando la prima domanda nel mese di giugno 2020 (riferimento fitti marzo, aprile e maggio 2020) e dichiarando nella stessa di non avere intenzione di usufruire del credito di imposta del 60% previsto dall’art. 8 del D.L. n.137 del 28.10.2020 (cd Decreto Ristori) e dall’art. 28 del D.L. n. 34 del 19 maggio 2020 (cd Decreto Rilancio); ha poi in automatico ricevuto la seconda trance nel mese di dicembre pari al doppio della prima (riferimento mesi ottobre, novembre e dicembre 2020); in questi giorni ha ricevuto sempre in automatico il contributo pari all'importo della prima trance (sembra che si facesse riferimento ai mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021). Si chiede se adesso possa utilizzare/cedere il credito di imposta per i fitti per i mesi di marzo, aprile, maggio giugno, ottobre, novembre, dicembre 2020 previsti dall’art. 8 del D.L. n.137 del 28.10.2020 (cd Decreto Ristori) e dall’art. 28 del D.L. n. 34 del 19 maggio 2020 (cd Decreto Rilancio) e per i mesi di gennaio, febbraio, marzo aprile e maggio 2021 (previsti dal cd nuovo Decreto Sostegni bis. Grazie

A.s.d. senza Partita IVA e affidamento di progetto PON

A un'a.s.d con solo codice fiscale è stato affidato un progetto PON da un istituto scolastico con regolare contratto. Il corrispettivo che riceverà per la prestazione d'opera è esente da IVA, ai sensi dell'articolo 10, comma 1, n. 20 del d.p.r. 633/72. Il quesito è se tali somme siano oggetto di denuncia dei redditi.

Regime fiscale delle associazioni non iscritte Runts e non in “regime l. 398”

Quale inquadramento fiscale possono adottare le associazioni che non si iscrivono al RUNTS e non possono optare per la legge 398/1991?

Cambio di denominazione della a.s.d. e Modello EAS

Si chiede se il solo cambio di denominazione sociale di una a.s.d. comporti l'obbligo dell'invio modello EAS (oltre alla regolare comunicazione all'Ade con deposito del verbale autenticato). Grazie

Compensi sportivi e cassa integrazione alla luce della sentenza 9 febbraio 2021 n. 3116

Si richiede se sia possibile, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro Sentenza 9 febbraio 2021 n. 3116 (punto 18), la compatibilità della percezione di compensi sportivi ex art. 67 lettera m) T.U.I.R. (nel limite esente dei 10000 euro annui) durante i periodi di cassa integrazione a zero ore senza effettuare nessuna comunicazione all'INPS e senza decurtazione della cassa (come specificato dalla circolare INPS 23/11/2017 n. 174 relativa alla NASPI ma che da vostra precedente analisi potrebbe riferirsi anche agli ammortizzatori sociali). Nel caso dell'obbligo di comunicazione come comportarsi con i compensi già erogati?

Sospensione temporanea delle attività di un’a.s.d.

Una a.s.d. si trova nelle condizioni di sospendere, almeno temporaneamente, le proprie attività prima di decidere eventualmente di sciogliere il vincolo associativo. Si chiede se esista un limite temporale di inattività oltre il quale scatta la cancellazione dal Registro Coni o dal nuovo Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche e inoltre se il codice civile contempli un obbligo di scioglimento dell'Associazione in caso di inattività dopo un periodo di tempo definito. Si ringrazia per l'attenzione

Canoni di locazione e cessione del credito d’imposta al locatore

Il decreto Sostegni Bis prevede la possibilità per le a.s.d. di beneficiare del credito d'imposta sulle locazioni nella misura del 60%. Sarà possibile cederlo al proprietario dell'immobile? Da quando questa possibilità sarà resa operativa?

Natura dei proventi incassati per l’utilizzo di campi da tennis

Una s.s.d. a r.l., regolarmente iscritta al registro Coni, ha optato per al l. 398/91, inviato il mod. EAS e gestisce, in forza di un contratto di locazione, un impianto sportivo privato per promuovere la disciplina del tennis ai propri tesserati. Può concedere dietro pagamento l'utilizzo dei campi anche a soggetti terzi (non tesserati e non soci) per praticare tennis? Se sì, questi incassi, ovviamente commerciali, da parte dei "non tesserati" devono essere occasionali e possono essere anche maggiori di quelli percepiti dai tesserati? I corrispettivi ricevuti dai non tesserati possono essere assoggettati alla normativa ex l. 398/91 se non si supera il plafond?

Il certificato medico sportivo nell’agonismo e nel non agonismo

A proposito del certificato medico sportivo si chiede se sia necessario che gli interessati producano sempre l'originale o se si possa accettare anche una copia. Il problema - che spesso genera discussioni inutili a riguardo - nasce soprattutto con coloro che praticano due o tre sport. Si ringrazia dell'attenzione

Resta connesso

2,857FansMi piace
208FollowerSegui

Ultimi articoli

Superbonus spogliatoi per impianto in concessione: l’Agenzia lo conferma

0
Con la Risposta n. 515/2021 l'Agenzia delle Entrate ribadisce la possibilità per una a.s.d. di fruire delle agevolazioni del c.d. Superbonus 110% per gli interventi su una palestra di proprietà del comune
Fiscosport.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la. nostra privacy policy.