Newsletter Fiscosport n. 11/2021

Newsletter Fiscosport n. 11/2021

Newsletter Fiscosport n. 11/2021 del  02 Dicembre 2022 ‍ ‍ ‍ ‍ ‍ ‍ ‍

 

Professionisti esperti

in materie fiscali sportive e non profit

Questa newsletter  è  riservata a:      

I Convegni di Fiscosport 

Cari Lettori,

 

il Corso sulla Riforma dello Sport sta avendo una risposta entusiastica e vi ringraziamo della bella partecipazione! E anche se siamo già arrivati al quarto incontro, ricordiamo che l'iscrizione è possibile ora e lo sarà in futuro: i video dei webinar rimarranno infatti sempre disponibili e potranno essere (ri)visti anche dopo la diretta. 

Inoltre con l'acquisto del Corso si ha diritto 

  • alla partecipazione gratuita a webinar di aggiornamento che verranno organizzati in prossimità dell’entrata in vigore della Riforma; 
  • alla partecipazione, sempre gratuita, a un webinar sul decreto sostegni che si terrà verso metà giugno (la data verrà definitivamente confermata nei prossimi giorni).

 

Vi aspettiamo!


La Riforma dello Sport – Corso online con i Consulenti Fiscosport (a breve le nuove date degli incontri di aggiornamento!)

Più di un anno fa Fiscosport organizzava il Corso sulla Riforma dello sport, con la garanzia di aggiornare i propri lettori se e quando fossero intervenute novità: il momento è arrivato e stanno per arrivare anche i nuovi webinar... rimanete connessi!

Approfondimenti

Il nuovo voucher è legge

Nella seduta del 19 maggio la Camera ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (c.d. Decreto Sostegni) che ora attende la promulgazione e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Nuovo Decreto "riaperture": quali attività al chiuso?

Anticipata al 24 maggio la riapertura delle palestre: ma non tutte le attività sono consentite...

L'Agenzia fa cinquina

Le istruzioni di compilazione del modello Redditi PF – quadro RE non solo non aiutano i cooperanti delle Ong a dichiarare i propri redditi ma sono anche sbagliate. Con il 2021 fanno cinque anni di istruzioni errate per la determinazione del reddito ex art. 54, comma 8-bis T.U.I.R.

‍Lavoro e previdenza

Esonero contributi 2021: si applica anche agli istruttori con P.IVA?

Al fine di ridurre gli effetti negativi causati dall'emergenza epidemiologica da COVID-19 sul reddito dei lavoratori autonomi e dei professionisti e di favorire la ripresa della loro attività, la L. 178/2020 ha disposto per l’anno 2021 l’esonero parziale della contribuzione previdenziale e assistenziale dovuta dai lavoratori autonomi e dai liberi professionisti iscritti alle gestioni autonome speciali dell’INPS e alle casse previdenziali professionali autonome.

Sospensione contributi e assicurazione: nuove istruzioni da INPS e INAIL

Legge bilancio 2021 e sospensione degli adempimenti e versamenti contributivi e assicurativi per il mondo sportivo: INPS e INAIL pubblicano le istruzioni operative per la ripresa di versamenti e adempimenti

‍Notizie in pillole

Il contributo del Decreto Ristori nelle zone calamitose: un pasticcio antipatico con un lieto fine

La Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 5/2021 con una interpretazione favorevole al contribuente, conferma la spettanza del contributo nelle zone calamitose indipendentemente dal fatturato

L'A.d.E. chiede la restituzione dei contributi fondo perduto delle zone calamitose

Il decreto "Ristori" non ha confermato il diritto al contributo a prescindere dal calo di fatturato per chi ha sede in zone calamitose. E oggi l'Agenzia delle Entrate ne chiede la restituzione.

‍I vostri quesiti

Balli di coppia e sport di contatto

Il vicepresidente di una a.s.d. che promuove balli di coppia chiede se si possa ritenere il ballo di coppia assimilabile allo sport di contatto; e se pertanto sia possibile tornare a ballare in coppia dal 26 aprile. È possibile inoltre organizzare serate contingentate per la ripresa del ballo di coppia?

Riforma del terzo settore e corrispettivi specifici a.s.d.

Per quanto riguarda l'entrata in vigore della Riforma del terzo settore si chiede quanto segue. Si è inteso che le associazioni sportive riconosciute dal CONI sono le uniche per le quali sarà ancora applicabile la l. 398 con tutte le agevolazioni del caso. Di norma l’opzione per la l. 398 viene fatta per le associazioni che hanno la partita IVA e viene applicata sui corrispettivi commerciali (sponsorizzazioni, bar, ecc.) escludendo i corrispettivi specifici per partecipazione a corsi perché decommercializzati. Con l'avvento della Riforma per le a.s.d. che decidono di non entrare nel Runts cambierà qualcosa per quanto riguarda la decommercializzazione dei corrispettivi specifici? Presentando il modello EAS potranno mantenere questa agevolazione riconosciuta dall’ art. 148, c. 3, T.U.I.R? Le a.s.d. che hanno solo il codice fiscale e che svolgono solo attività verso i propri associati dovranno aprire partita IVA o potranno comunque continuare a godere delle agevolazione previste dall’ art. 148, c. 3, T.U.I.R (previa presentazione del modello EAS)?

Come calcolare il plafond di 400mila euro previsto dalla legge 398/91

Si chiede se nel calcolo per il conteggio del plafond per la 398/91 si debba considerare anche il 50% dell'IVA non versata in riferimento a fatture di sponsorizzazione o invece solo i proventi (al netto di IVA) conseguiti nell'anno di riferimento e quelli fatturati a fine anno ancorché non incassati.

Responsabilità del presidente in assenza di certificato dell'atleta

In una a.s.d. di Atletica Leggera l'attività del settore senior master si svolge per lo più a livello individuale ed è fondamentalmente il podismo su strada. L'allenamento non è strutturato in orari e metodologie dalla società e gli atleti si allenano per conto proprio a orari diversi e in luoghi diversi in base ognuno alle proprie esigenze. Diversi di questi atleti hanno il certificato medico scaduto e, in un periodo come quello odierno di pandemia, non l'hanno rinnovato essendo le manifestazioni di corsa su strada ferme per via dei vincoli e delle eccessive restrizioni che ne scoraggiano la loro organizzazione. Ci si domanda se il presidente dell'associazione, in qualità di legale rappresentante, e la stessa associazione possono incorrere in responsabilità qualora agli atleti, senza certificato d'idoneità, accadesse qualcosa nello svolgimento di questi allenamenti individuali (considerando che l'associazione non può controllare se, dove e quando gli atleti si allenano individualmente si ritiene che ognuno è responsabile delle proprie azioni). E se invece questi atleti utilizzano una struttura pubblica, come un Campo d'Atletica per la quale l'associazione paga un canone annuale per l'utilizzo dei propri associati? O nel caso di iniziative societarie nei quali i soci vengono coinvolti in prove organizzate in una sorta di torneo interno? Se in questi casi dovesse verificarsi un incidente ad un atleta o se un atleta dovesse sentirsi male la responsabilità è imputabile all'associazione e quindi al suo presidente che non ha vietato la partecipazione alle prove? La mancata idoneità alla visita medica agonistica non consente di prendere parte alle competizioni organizzate dalle federazioni ma nulla si sa sugli allenamenti, soprattutto nel caso del podismo dove l'attività ha delle sue specificità diverse dagli sport di squadra e gli atleti si autogestiscono. Grazie della risposta

A.S.D. e fattura elettronica

Una a.s.d. in regime ex l. 398/1991 decide di emettere comunque fattura elettronica per i servizi di sponsorizzazione. Si chiede di sapere quale “Regime fiscale” deve indicare tra quelli previsti (Ordinario RF1, Intrattenimenti RF10, Altro RF18, e così via…) nella predisposizione del file XML. Grazie.

Scadenzario

Le più importanti scadenze fiscali entro il 31 maggio 2021

Di seguito gli adempimenti più importanti con scadenza entro il 31 maggio 2021, tra le quali ricordiamo - entro il 28 maggio - la presentazione in via telematica dell'istanza del contributo a fondo perduto previsto dal c.d. "Decreto Sostegni". Altre scadenze sul sito dell'Agenzia delle Entrate: in particolare per le associazioni senza Partita IVA (categoria G) e per le associazioni con Partita IVA (categoria E).

Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)

 Direttore Responsabile: Francesco Sangermano

 Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

 Copyright © 2013. All Rights Reserved.

‍Ricevi questa Newsletter perchè sei registrato al sito www.fiscosport.it

Se non desideri più le nostre informative clicca qui: