Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

Newsletter edizione : 16/2009
16/2009 - QUINDICINALE del 10 settembre 2009

14m_la-redazione
La Redazione di Fiscosport, dopo la meritata pausa estiva, riprende le pubblicazioni sul sito internet www.fiscosport.it e con le newsletters quindicinali. La novità - già anticipata con il fiscosport flash n. 15-ter del 03/09/2009 - è la pubblicazione del modello di comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi, modello che abbiamo atteso per oltre sette mesi (il termine era stato inizialmente fissato al 31 gennaio 2009 dal D.L. 185/2008, ma non vi era stata nessuna comunicazione, neppure per annunciarne la proroga). Il nuovo termine del 30 ottobre 2009 per la presentazione telematica del modello dà la possibilità ai nostri esperti di analizzare al meglio le istruzioni (ed eventuali nuove circolari), che saranno oggetto di nuovi approfondimenti a partire dalla newsletter n. 17 del 24 settembre 2009 [ Fiscosport annuncia la pubblicazione delle slides del Prof. Marco Fava sull'argomento a partire da lunedì 14 settembre p.v. nella home page del sito www.fiscosport.it ]  Buon rientro e Buon lavoro a tutti i Dirigenti e Consulenti delle società ed associazioni sportive dilettantistiche (nonchè ai Presidenti e ai Segretari dei CONI e delle Fsn/Dsa/Eps nazionali, regionali e provinciali che seguono con attenzione i nostri aggiornamenti quindicinali).

Continua ...

 

13m_la-modulistica
Il presente modello può essere utilizzato dalle associazioni senza fini di lucro, che operano per la realizzazione o che partecipano a manifestazioni di particolare interesse storico, artistico e culturale, legate agli usi e alle tradizioni delle comunità locali, al fine di richiedere l'inserimento tra i soggetti beneficiari delle disposizioni recate dall'art. 1, comma 185, della legge n° 296 del 2006. La domanda, redatta mediante l'utilizzo dell’apposito prodotto informatico, deve essere trasmessa esclusivamente per via telematica tra il 20 luglio ed il 20 settembre di ciascun anno d’imposta , direttamente dal contribuente o tramite soggetti incaricati di cui all’art. 3, comma 3 del D.P.R. 27 luglio 1998, n. 322 e successive modificazioni (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti). notizia tratta dal sito: www.agenziaentrate.it

Continua ...

 

M_art-no-image
E’ finalmente stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate ( ed allegato alla presente news, insieme alle relative istruzioni - ndr ) il “ modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi ”, previsto dall’art. 30 del D.L. 29/11/08 n. 185, convertito con modifiche dalla Legge 28/1/09 n. 2. Il modello deve essere presentato , esclusivamente per via telematica (direttamente o tramite un intermediario abilitato), entro sessanta giorni dalla costituzione, e per i soggetti costituiti prima del 1/9/09, entro il 30/10/2009 . Qualora vi sia una variazione dei dati precedentemente comunicati, il modello dovrà essere ripresentato entro il 31/3 dell’anno successivo a tale variazione; tale nuova presentazione non è dovuta se la variazione riguarda alcuni dei dati, essenzialmente quelli numerici, come illustreremo più avanti. Sono esonerate dalla presentazione , oltre alle organizzazioni di volontariato ed alle PRO-LOCO  [ ERRATA CORRIGE - delete: enti di promozione sociale - ndr ] (a determinate condizioni), le associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI che non svolgono attività commerciali. Debbono presentare il modello anche le società di capitali e cooperative, sportive dilettantistiche .

Continua ...

 

M_art-no-image
Sul sito Internet dell'Agenzia delle Entrate - www.agenziaentrate.gov.it - è disponibile il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi, come previsto dall'articolo 30 del decreto legge 185 del 2008. Con un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate è stato approvato il modello che deve essere presentato dali enti associativi di natura privatistica, incluse le società sportive dilettantistiche e le organizzazioni di volontariato, per godere dei benefici fiscali ai fini delle imposte sui redditi e dell'Iva. Dall'obbligo di comunicazione dei dati, restano escluse alcune specifiche categorie:

Continua ...

 

11m_guide-e-vademecum
Con delibera n. 1394 del 19 giugno 2009 il Consiglio Nazionale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, su proposta della Giunta Nazionale, ha approvato un nuovo disciplinare per l’istituzione e la funzionalità del Registro nazionale delle associazioni e società sportive dilettantistiche . Il nuovo testo sostituisce quello deliberato dal Consiglio Nazionale del Coni del 11 novembre 2004 con delibera n. 1288, disciplinando ed articolando meglio le procedure e le responsabilità, in virtù delle esperienze gestionali maturate in questi primi anni di funzionamento, istituzionalizzando la competenza gestionale del servizio, alla Direzione Territorio e Promozione dello Sport – Ufficio Riconoscimento Organismi Sportivi .

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Un'associazione sportiva dilettantistica non riconosciuta in regime 398/91 che gestisce una piscina intenderebbe trasformare l'associazione stessa in una S.n.c. o in una S.a.s. (pur sapendo di non rientrare fra le tipologie societarie previste per le società sportive) a seguito degli annunciati accertamenti fiscali. Vorremmo sapere quali siano gli adempimenti per la trasformazione societaria e come andrebbero gestiti a livello di I.V.A. gli incassi della S.n.c. Ed inoltre, se vi siano altre forme possibili di collaborazione per gli istruttori della piscina, oltre all'apertura della Partita I.V.A. o al lavoro dipendente, visto che le ricevute per compensi agli sportivi dilettanti non sono più possibili. Grazie e cordiali saluti. risposta a cura del Dott. Stefano Andreani - Dottore Commercialista in Campi Bisenzio (Firenze)

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Le convocazioni delle assemblee dei soci e del consiglio direttivo per un'associazione sportiva dilettantistica se vengono convocate a mezzo fax o per via e-mail (non per posta certificata) o eventualmente esposte in bacheca, hanno la stessa validità legale della raccomandata a.r. oppure possono essere invalidate in caso di contrarietà di delibera tra i soci ed i consiglieri? Grazie. risposta a cura dell'Avv. Bancamaria Stivanello - Avvocato in Padova

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
L' Istituto di Credito presso il quale la nostra Associazione intrattiene rapporto di conto corrente ha esentato il suddetto conto dal pagamento del bollo sull'estratto conto. E' possibile avere un riferimento alla normativa vigente che giustifica tale esenzione. risposta a cura dell'Avv. Biancamaria Stivanello, Collaboratrice della Redazione Fiscosport - Padova

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Un Motoclub ha in essere con il Suo Comune un contratto di convenzione in diritto di superficie su un area di 170000 m2. Su suddetta area il Motoclub ha in progetto di realizzare un impianto sportivo motoristico. Premesso che il Motoclub è una Società Sportiva Dilettantistica S.r.l. senza scopo di lucro e che intende svolgere attività di tipo istituzionale si chiede se sia applicabile o meno l'aliquota IVA agevolata al 10% per la costruzione della pista e relativa viabilità. risposta a cura della Dott.ssa Patrizia Sideri, Consulente Provinciale Fiscosport Siena

Continua ...

 



a
A

Fiscosport informa:

ABBONAMENTO 2019

 

Basta poco per garantirsi un anno di aggiornamenti fiscosportivi!!! 

Info su costi e modalità alla pagina Abbonamenti

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.