Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

5511l

Per effetto dei nuovi termini di presentazione della dichiarazione dei redditi al 30 novembre (che quest'anno cade di sabato) slitta al 2 dicembre 2019 il termine entro il quale è possibile sanare, tra le altre omissioni di comunicazione, anche il mancato invio del Modello EAS.

 

Come è noto, con la remissione in bonis (istituto introdotto nel 2012) è possibile rimediare a dimenticanze o errori formali che altrimenti precluderebbero l'accesso a determinati regimi di vantaggio fiscale: in particolare l'invio del Modello EAS rappresenta una fattispecie di grande interesse per i sodalizi sportivi, dal momento che costituisce un onere necessario per poter decommercializzare le quote e i corrispettivi specifici, e poter accedere quindi al regime fiscale agevolativo.

A regime l'invio del Modello EAS deve avvenire entro 60 giorni dalla costituzione dell'associazione sportiva o dall'inizio dell'attività, ovvero entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello in cui si sono verificate variazioni nei dati precedentemente comunicati (quest'ultimo caso per altro è ipotesi rarissima per le sportive, dal momento che le variazioni dei dati relativi a presidente o sede non devono essere comunicate).

Ove l'adempimento non sia rispettato, è possibile evitare le gravi conseguenze previste dalla legge (assoggettamento a IVA e a imposizione diretta di tutte le entrate istituzionali e commerciali) purché il "ravvedimento" avvenga entro il termine di presentazione della prima dichiarazione utile: detto termine quest'anno è slittato al 30 novembre 2019 (rectius: 2 dicembre 2019, in quanto il 30 novembre e il 1. dicembre cadono di sabato e domenica).

Entro questa data, quindi, potranno utilizzare la remissione in bonis le a.s.d. con esercizio sociale coincidente con l'anno solare che abbiano iniziato l'attività a partire dal 01/01/2018 purché provvedano 

- tramite F24 (cod. 8114) al pagamento della somma di € 250,00 e

- alla contestuale presentazione del Modello EAS.

Per completezza di informazione aggiungiamo che se vi sia stata omissione riferita all'attività iniziata prima del 31/12/2017, non essendo più possibile ricorrere alla remissione in bonis, si potrà solo presentare tardivamente il mod. EAS, con l'effetto, come specificato anche alla Circolare A.d.E. n. 18/E (par. 7.7, p. 69/70) di beneficiare delle agevolazioni da quel momento in avanti: non trattandosi di una "remissione in bonis" non si avranno ovviamente gli effetti della sanatoria retroattiva tipici dell'istituto di cui abbiamo trattato.




a
A

Articoli Simili








Articoli in Evidenza

No data to display

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.