Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

HOMEHOME

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Rilevato che dal 1° gennaio 2019 è diventato obbligatorio l'obbligo della fattura elettronica per l'acquisto di carburante, una a.s.d. ha grandi difficoltà a farsela emettere, in quanto i gestori di pompe di benzina asseriscono che l'obbligo è solo per chi è dotato di partita IVA mentre l’associazione ha solo il codice fiscale. Si chiede come ci si debba comportare per essere a posto con la normativa vigente.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Con riferimento alla presentazione del Mod. EAS si chiede se sia cambiato qualcosa con la Riforma del Terzo Settore, e in particolare se si sia ancora tenuti a presentarlo. Si desidera inoltre sapere come debba comportarsi un'associazione costituitasi anni fa che non ha mai presentato l'EAS.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Nel corso del 2018 un'a.s.d. ha modificato il proprio statuto registrando tale modifica presso l'Agenzia delle Entrate e chiede se debba essere inviato un nuovo modello EAS entro il 31 marzo 2019 (rectius: 1 aprile 2019). Con l'occasione rivediamo chi sia tenuto a ripresentare l'EAS e in quali circostanze.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una a.s.d. regolarmente iscritta al registro del Coni e in "regime 398" chiede se il limite di 65.000 mila euro relativo all'obbligo di fatturazione elettronica valga anche come limite per poter usufruire delle agevolazioni fiscali della legge 398; si chiede inoltre se vada considerato il solo valore imponibile oppure rientri tra le entrate commerciali anche la relativa IVA incassata.

Continua ...

 

30m_scadenzario
Di seguito gli adempimenti più importanti con scadenza entro il 1 aprile 2019 (il 31 marzo cade infatti di domenica). Altre scadenze sul sito dell'Agenzia delle Entrate: in particolare per le associazioni senza Partita IVA (categoria G) e per le associazioni con Partita IVA (categoria E).

Continua ...

 

32m_113
La riforma del Terzo settore ha introdotto importanti novità in materia di revisione legale: sono queste l'oggetto dell'approfondimento nell'articolo che segue.

Continua ...

 

3m_approfondimenti
Si chiede se per una s.s.d. srl in regime 398 i ricavi conseguiti al pagamento del biglietto da parte di soggetti tesserati e non, per l'accesso alla pratica del nuoto libero, alle piscine interne ed esterne (estivo), incluso in estate l'utilizzo del lettino/sdraio, debbano considerarsi ricavi per attività istituzionale oppure commerciale "connessa" "non connessa". Come dimostra l'articolo che segue, non esiste una risposta certa...

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Un'associazione, che opera con le agevolazioni della legge 398, deve cedere un bene per il quale non ha usufruito della detrazione IVA ai sensi dell'art. 19 del D.P.R. 633/1972; si chiede se possa emettere una fattura in esenzione IVA ai sensi dell'art. 10, comma 1, n. 27-quinquies, trattandosi di "beni acquistati o importati senza il diritto alla detrazione totale della relativa imposta"

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Si chiede se un socio di a.s.d., attualmente in Cassa Integrazione (CIGS), possa svolgere l'incarico di Istruttore di scacchi (o altro incarico Art. 67, comma 1. lettera m del T.U.I.R.) presso una scuola (durata di circa 10 ore). La percezione della somma verrà corrisposta dalla Società previa compilazione dell'apposito modulo.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
A proposito di collaborazioni amministrativo gestionali si chiede se sia opportuno stabilire un compenso mensile fisso o se sia possibile anche deliberare un compenso mensile variabile. Premesso inoltre che lo stesso soggetto, all'interno dell'associazione, svolge anche l'attività di istruttore sportivo, si chiede altresì se possa essere redatto un contratto come istruttore sportivo e contestualmente anche un contratto di collaborazione amministrativo gestionale con la stessa persona.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Un istruttore di Tennis, attualmente inquadrato nel regime dell'art. 67, sta valutando, congiuntamente con la SSD arl con cui collabora, l'apertura di una partita IVA con codice 85.51.00. Si chiede di conoscere se si profilano problemi legati al fatto che si tratterrebbe di una mono-committenza. Si chiede inoltre se sarebbe iscrivibile alla gestione separata Inps.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una piccola a.s.d. (running e trail) si trova in difficoltà con i nuovi dati da inserire nel Registro CONI: è richiesto il tipo di corso e relativo istruttore, laddove l'a.s.d. fa solo le gare ma non proprio i "corsi"; presso una stanza in affitto in una palestra, infatti, i soci vengono "allenati" - a titolo gratuito - da una persona che non ha nessuna qualifica professionale. Poiché si teme di perdere la possibilità di registrazione al CONI e i benefici della 398, si chiede quali altri soluzioni esistano per poter continuare l'attività: è necessario cambiare lo statuto? e in che direzione? Esistono strumenti di gestione snella come è la 398 (nel senso che basta il solo rendiconto finanziario)? Quali altre vie di uscita esistono che permettano di operare anche senza essere affiancati da un commercialista?

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una a.s.d., che gestisce in convenzione l'impianto pubblico, ha in progetto di eseguire lavori di ampliamento e adeguamento all'impianto stesso in particolare: ampliamento superficie di gioco, realizzazione di gradinate, realizzazione di nuovi spogliatoi, realizzazione di nuovi spazi comuni, abbattimento di barriere architettoniche. I lavori saranno eseguiti, per la maggior parte in economia, senza un contratto d'appalto, acquistando direttamente il materiale, mentre le aziende che ci lavoreranno emetteranno fattura per prestazione di manodopera. In funzione di quanto sopra, si chiede se l'IVA da applicare agli acquisti di materiale possa essere tutta al 10 % oppure vada distinta tra beni finiti e non finiti, e quale sia invece l'aliquota sulla manodopera.

Continua ...

 

5356m
Un'a.s.d. che sta riducendo progressivamente la propria attività intende donare uno dei due pulmini utilizzati per le trasferte ad altra associazione che svolge un'attività analoga. Si tratterebbe, di fatto, di anticipare la "devoluzione" prevista dal T.U.I.R., anche se lo scioglimento dell'associazione avverrà successivamente. Si chiedono informazioni sul tipo di operazione

Continua ...

 


« Previous1 2 3 4 5 ... 183 Next » (31-45/2739) | Per page: 15, 20


Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.