Salta la paginazione e vai direttamente al contenuto della pagina

Professionisti esperti in materie fiscali sportive

HOMEHOME

3m_approfondimenti
La sentenza C.T.R. dell’Aquila, sez. Pescara, 10.03.2015 n. 256/6/15, che qui si va a commentare, riporta all’attenzione una tematica piuttosto delicata: posto che il regime ex L. 398/1991 è un regime basato sul criterio di cassa, qualora venga emessa fattura anticipatamente rispetto al momento dell’incasso del corrispettivo, l’importo risultante da tale fattura deve essere conteggiato ai fini del calcolo del “plafond”? La posizione della SIAE e dell’Agenzia delle Entrate è orientata a interpretazione restrittiva, tendente a considerare nella quantificazione del limite di 250.000 € anche i proventi fatturati, ancorché non riscossi, tanto che numerosi sono gli avvisi di accertamento aventi ad oggetto tale problematica. La C.T.R. dell’Aquila propende invece per una soluzione negativa, con motivazioni interessanti, e creando un precedente che potrà certamente risultare utile in sede contenziosa

Continua ...

 

4476m
La Suprema Corte, con la sentenza n. 10914 del 27 maggio 2015 ha accolto la tesi secondo la quale non è sufficiente che l’azienda affermi di aver sostenuto i relativi costi al fine di incrementare le vendite o acquisire nuova clientela, ma deve fornire prova in merito all’inerenza dello strumento promozionale, sia sotto il profilo territoriale che della tipologia di clientela interessata.

Continua ...

 

21m_le-news-sportive
Abitualmente non diamo notizia di nuove disposizioni finchè non sono ufficiali, perché ancora tanti cambiamenti possono subire e si rischia poi di perdersi nella giungla delle varie versioni; ma questa volta facciamo uno strappo alla regola perché la novità, se verrà confermata nel testo definitivo, è di grande interesse per le a.s.d.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Ad una a.s.d. affiliata a una FSI, l'EPS che ha in gestione, con regolare gara di appalto da parte del Comune, il palazzetto dello sport in cui si svolgono gli allenamenti ha proposto, quale controprestazione per l'utilizzo degli spazi, invece del pagamento dietro presentazione di fattura con relativa IVA, di fare una sorta di associazione, in modo che il "pagamento" consisterebbe in un contributo non soggetto a IVA in quanto attività non commerciale. Si chiede se la procedura proposta è regolare o se in caso di accertamenti potrebbero sorgere problemi, dal momento che la controparte non organizza allenamenti e/o le gare ma si limita alla pura gestione del palazzetto. L'EPS in questione all'interno del palazzetto svolge solo marginalmente attività sportiva direttamente e non nella disciplina della a.s.d., che è comunque l'ente, assieme ad altre a.s.d., ad occupare per la maggior parte del tempo il palazzetto. Si fa presente che le tariffe di utilizzo sono imposte direttamente dell'Amministrazione Comunale con apposita Delibera.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Una a.s.d. Calcio in L. 398 circa un anno fa ha affrontato la verifica fiscale da parte della SIAE relativa al controllo di tutta la documentazione richiesta nelle loro check list e documenti contabili dal 2010 al 2013, l'esito della quale ha rivelato un'errata liquidazione IVA in un trimestre del 2011 per qualche centinaia di euro. Ora l'a.s.d. riceve un nuovo accertamento dall'Agenzia delle Entrate per le stesse annualità nel quale vengono richieste tutte le fatture di pubblicità, contratti, copie dei pagamenti e rendiconti già esaminati. Si chiede se si tratti di una procedura abituale e in considerazione che per tale documentazione c'è già stata una verifica se si possa muovere alcuna obiezione.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Si chiede un chiarimento in merito alle detrazioni per pratica sportiva, oltre alla pratica sportiva per minore dai 5 ai 18 anni, e più specificamente se un adulto o un minore possa detrarre anche le spese per ginnastica posturale prescritta da un medico e svolta presso un'asd regolarmente iscritta al coni e a ente di promozione? E in caso di risposta positiva, in che misura corrisponda la detrazione e sopratutto che dicitura debba essere riportata al fine di avere la detrazione.

Continua ...

 

19m_le-risposte-ai-quesiti
Nel corso di una verifica da parte della SIAE nei confronti di una associazione sportiva dilettantistica i verificatori hanno riscontrato da parte dell'Associazione, che opera in regime di L. 398/1991, l'emissione di alcune note di credito. L'emissione di tali documenti ha avuto luogo nel rispetto di quanto stabilito dall'art. 26 del D.P.R. n. 633/1972 (sopravvenuto accordo tra le parti nel termine di un anno dall'emissione delle fatture corrispondenti). I verificatori in merito hanno espresso il seguente rilievo: "la possibilità di emissione di una nota di variazione in diminuzione, secondo le modalità stabilite dall'art. 26 del d.p.r. n. 633/1972, è preclusa alle associazioni in regime ex legge n. 398/1991 poiché il tributo per tali soggetti è concludente per cui il recupero dell'Iva versata all'erario deve avvenire mediante attivazione di una procedura di rimborso ai sensi dell'art. 21 del d.lgs n. 546/1992. Tuttavia, antecedentemente alla richiesta di rimborso è opportuno che l'associazione si attivi giudiziariamente nei confronti del cliente inadempiente per il recupero delle somme non pagate; solo a seguito di pronuncia giudiziaria si ha la certezza dell'inadempienza e il mancato recupero delle somme dovute attraverso idonea procedura esecutiva determina la possibilità di richiedere il rimborso all'amministrazione finanziaria". Avendo inutilmente cercato un riscontro a tale assunto (impossibilità per i soggetti in 398 di emettere note di credito) l'a.s.d. chiede un parere in merito.

Continua ...

 

30m_scadenzario
Di seguito gli adempimenti più importanti con scadenza entro il 16 luglio 2015. Altre scadenze sono disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate: in particolare per le associazioni senza Partita IVA (categoria G) e per le associazioni con Partita IVA (categoria E).

Continua ...

 

 

1m_5-per-mille
Entro questo mese di giugno va inviata la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà in cui si attesta la persistenza dei requisiti previsti dalla legge ai fini dell’iscrizione alle liste del 5 per mille

Continua ...

 


1 2 3 ... 188 Next » (1-10/1874) | Per page: 10, 15, 20


a
A

Fiscosport informa:

La Newsletter Fiscosport ha cadenza QUINDICINALE e viene di norma inoltrata nella giornata del giovedì (7/5, 21/5, 4/6, 18/6) a mezzo e-mail agli utenti abilitati ai Servizi Fiscosport, direttamente o per tramite di un C.R. CONI, di una Fsn/Dsa/Eps, o di altro Ente aderente al Progetto Fiscosport.

Gli utenti non ancora registrati possono iscriversi utilizzando la maschera in alto a sinistra o registrandosi al sito da Questa Pagina (registrazione gratuita e non vincolante per 30 giorni).

__PARTIAL EDIZIONI

Social

Condizioni di utilizzo | Trattamento dei dati | WebDesign


Fiscosport è una pubblicazione on-line registrata (Trib. Perugia n. 18 del 28/06/2011)
Direttore Responsabile: Francesco Sangermano
Fiscosport s.r.l. - PI e CF 01304410994 - n. REA 271620 - cap. soc. 10.000,00 euro i.v.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.